I costi delle accise nella bolletta elettrica

//I costi delle accise nella bolletta elettrica

I costi delle accise nella bolletta elettrica

 

Ti sei mai chiesto che tasse paghi sulla bolletta dell'energia, e quanto paghi? E se stai pagando il giusto naturalmente! Valutare i costi delle accise nella bolletta elettrica non è semplice, e te ne sarai sicuramente accorto gettando un occhio all'immagine in basso.

Mettiamola così, la terza parte della bolletta dell'energia elettrica, quella delle imposte, è data (in condizioni normali, quindi senza penali o altri costi aggiuntivi) dall'imposta erariale sui consumi. E il valore di quest'imposta è appunto proporzionale ai consumi, ma non sempre, e non completamente.

Per spiegare meglio il concetto, ho fatto un elenco con 5 casi diversi, dacci uno sguardo, e controlla in quale area sei! Considera solo la potenza installata, quanto consumi annualmente, e se sei un consumatore privato residente o meno.

 

Se sei un privato

  • Se sei Residente:
    • Potenza impegnata tra gli 1,5 e i 3 kW:
      • Consumo annuo minore o uguale a 1800 kWh => Accise = 0, non paghi nulla!
      • Consumo annuo superiore a 1800 kWh => Accise = Consumi eccedenti 1800 kWh x 0,0227 euro/kWh. Esempio: se consumi più di 1800 kWh annui, tutto ciò CHE E' IN PIU' lo paghi. Se consumi 1801 kWh in un anno, pagherai 0,02 euro (arrotondati)!
    • Potenza impegnata pari a 4,5 kW => Accise = Consumi totali (in kWh) x 0,0227 euro/kWh
    • Potenza impegnata superiore a 4,5 kW => Accise = Consumi totali (in kWh) x 0,0251 euro/kWh.
  • Se sei un Non Residente: => Accise = Consumi totali (in kWh) x 0,0251 euro/kWh.

 

Se sei un'azienda:

E' semplice! Se consumi meno di 200.000 kWh al mese (e sono poche le aziende in italia che superano questa soglia), allora pagherai le Accise = Consumi totali (in kWh) x 0,0125 euro/kWh.

Ti ho fatto anche uno schemino a penna, se può esserti più chiaro:

Costi delle accise nella Bolletta ElettricaCosti delle accise nella Bolletta Elettrica

Vogliamo fare qualche riflessione? Iniziamo: chi consuma poco, non paga. va bene! Le aziende pagano sempre e sul totale dei consumi, ma circa la metà di quanto pagherebbe un consumatore domestico. Poi ci sono i casi intermedi, e più i consumi e la potenza installata aumenta, più aumenta il totale da pagare.

 

Cerchi il risparmio in Bolletta
ma hai paura di commettere i soliti errori nella scelta di fornitori e offerte? Ora ti spiego come riesco a scegliere sempre bene:

[button link="https://alessandroziccardi.it/analisi-forniture-energetiche/" color="default" size="medium" stretch="default" type="" shape="pill" target="_blank" title="Ecco come faccio!" gradient_colors="|" gradient_hover_colors="|" accent_color="" accent_hover_color="" bevel_color="" border_width="" icon="" icon_position="left" icon_divider="no" modal="" animation_type="shake" animation_direction="left" animation_speed="1" animation_offset="" alignment="center" class="" id=""]Clicca Qui![/button]

 

DadiNon scommettere quando si tratta di risparmio energetico!
Condivi su FB, Google+ o altri Social Network.
Iscriviti alla Newsletter! Basta un click per rimanere sempre aggiornato 🙂

By | 2017-02-15T12:57:55+00:00 dicembre 1st, 2014|Cosa dice la legge|0 Comments

About the Author:

“Un Tecnico dell’Energia schierato dalla parte del Cliente”

Speculatore per mestiere, nerd per passione, lottatore nel tempo libero.
Correggo i test d’ingresso dei Fornitori di Luce e Gas, boccio parecchio.
In tema di Fornitori, ho gusti semplici, mi accontento del meglio.
Lavoro coi numeri, li apprezzo molto, non mi mentono mai.

Tra le mie letture: Direct Respons Marketing, Brand Positioning, Lead Generation, Copywriting, SEO, e tutto ciò che possa contribuire alla mia Autority sul Web.

Lascia una risposta

Sii il primo a commentare!

Notifica se
avatar
wpDiscuz