Ossia l'Analisi e la Diagnosi Energetica,
ma... come piace a me!

 

Voglio spiegarti cos'è PER ME l'Analisi Energetica, "la Consulenza", e perchè la considero la parte più importante del mio lavoro, e quella in cui inserisco davvero tutte le mie conoscenze. Partiamo dal presupposto - teoricamente ovvio - che se un imprenditore investe nel risparmio energetico, diventa necessariamente più competitivo sul mercato, perchè abbassando una componente delle sue spese, ha più capitali da investire, e può permettersi anche il lusso di combattere "la guerra dei prezzi".

Per far ciò, è necessario che i suoi capitali vengano investiti oculatamente, e miratamente, perchè le spese folli fanno sempre danni! In questi casi, la base di partenza è la conoscenza completa della situazione energetica dell'azienda: un check-up medico, una radiografia total body! Serve un Medico dell'Energia!

Dr House - Alessandro Ziccardi

Cominciamo ad operare!

Un esempio che ho sempre apprezzato, e che uso spesso, è quello del dottore. E per chi conosce la serie "Dr House - Medical Division", diciamo pure che la mia funzione è quella del Medico Diagnosta.

Quando parlo di Analisi Aziendale completa, intendo esattamente questo: andare a scavare nella tua attività, tutti gli elementi singoli che, sommati, nel corso dell'anno, vanno a comporre la tua fattura. Il che significa un successione di più analisi:

  • Analisi "fisica" di tutte le forniture di energia presenti, di tutti gli elementi di consumo di energia, e delle abitudini di consumo di questi stessi elementi.
  • Analisi delle bollette, con tutte le sue voci, da confrontare e verificare con quanto raccolto nell'analisi precedente.
  • Analisi del miglior Percorso di Riqualificazione energetica, scegliendo dove e quando agire, MIRATAMENTE, in un ottica di efficientamento energetico. Dopo entrerò più nello specifico...

 

Inoltre io lavoro con i numeri, solo coi numeri. Non ti aspettare che io lavori "a naso"! Per offrire dei numeri certi, devo già sapere altri numeri e informazioni, quelli che chiederò a te! Spesso utilizzo delle planimetrie della struttura in questione, mi servono tutte le bollette dell'anno in corso, e dovrò sapere tutto di tutta la struttura, girarla palmo a palmo, avere a disposizione i dati tecnici delle apparecchiature utilizzate, conoscere i loro tempi di vita, i loro consumi e i profili di consumo a seconda degli utilizzi.

Quindi se non hai tempo da perdere investire nella tua azienda, per accompagnarmi in lungo e in largo, trova qualcuno che mi faccia da scorta durante il TOUR!

E non aspettarti di trovare tanta gente che lavora in questo modo. I classici venditori arrivano, ti parlano di quanto è bella la loro azienda, ti mostrano i loro contratti griffati, e l'azienda l'avranno vista solo dall'ufficio del responsabile. Perchè questo?

 

Perchè lavorare come faccio io, è stancante!
E si rischia anche di dover fornire dei risultati!

E quando si DEVONO fornire dei risultati, GARANTITI, e ovviamente MISURATI, precisi, il 90% scappa già via di corsa! E in quel 10% rimanente, quanti hanno un Sito/Blog in cui parlare del suo lavoro, e insegnare qualcosina agli utenti? E in cui i clienti possono commentare i risultati ottenuti dal professionista? 🙂

Venditore porta a porta

Venditore porta a porta

Lo ripeterò sempre: io non sono necessariamente più bravo degli altri, ma quello che faccio è UNICO. Ora entriamo più nel particolare del mio lavoro:

  • Prima di consigliare una terapia, ovviamente, il dottore deve capire... che cos'hai! Sembra ovvio vero? Beh, non lo è, altrimenti nessuno entrerebbe nei negozi o busserebbe porta a porta sulle case millantando: "ti faccio risparmiare" o, ancora peggio: "ti faccio risparmiare il 20% sulla bolletta". MA SE NEMMENO L'HAI VISTA!! Si fornisce un risparmio sul prezzo della fornitura energetica solo se quello proposto è minore, e questo... NON LO SAI ancora!
    truffa porta a porta

    Servizio delle Iene sulle truffe porta a porta

    Quindi, come prima lezione, per chi lavora nel mondo dell'energia, e per i clienti: nessuno può promettere nulla alla ceca. E questo vale anche per i fastidiosissimi call-center, dove viene insegnato a delle persone che è possibile far risparmiare soldi e guadagnare in questo modo (e per pochi spiccioli), come se un dottore potesse curare il paziente per telefono!

 

Tra l'altro, parlando di truffe... ma tu l'hai già scaricato il mio Manuale Anti-Fregature?? Spero per te che tu l'abbia già fatto, perchè è GRATIS, è sempre aggiornato, anche con le TUE storie, con decine di esempi di argomentazioni utilizzate da chi vende i "contrattini" in modo sporco, e le spiegazioni necessarie a neutralizzarle tutte, è utile... ok basta! Se ancora non ce l'hai, clicca qui e scaricalo ORA!!

 

Serve andare molto in fondo

  • Seconda lezione: se un medico vuole scoprire cos'ha il paziente, deve SAPERE TUTTO. Non sono ammissibili analisi parziali, il problema può essere ovunque. Hai presente? Anamnesi familiare (per problemi genetici ereditati), storia clinica, ultime cure (anche cure fai-da-te...), gli ultimi medici che hanno visitato, e le ultime terapie consigliate da altri (perchè la cura a volte può essere peggio del male), etc...
    Analisi completa della situazione in corso

    Analisi della situazione in corso

    Mi è capitato un sacco di volte di incontrare imprenditori stufi di agenti/consulenti che hanno creato più danni che benefici, oppure elettricisti o progettisti che (pagati) consapevoli dei rischi, hanno scelto di intasare le connessioni e gli impianti elettrici, o hanno creato delle condizioni pericolose applicando un sacco di soluzioni fuori dalle normative di sicurezza (come la CEI 64-8, oltre al Decreto 81/8 sulla sicurezza sul lavoro). Bisogna conoscere tutto questo, e dato che il cliente non sa mai cos'è importante e cosa no, è responsabilità del consulente chiedere ciò che gli serve, ed evitare situazioni che si concludono con: "perchè non me lo hai detto prima?"...

Quanto mangia la tua azienda?

  • Ora analizziamo il fabbisogno energetico. Da questo momento in poi entra in gioco il mio modo di lavorare, molto più nello specifico. Dopo aver fatto uno storico dell'azienda, e aver avuto l'ultima bolletta (sempre che ci sia anche lo storico annuale dei consumi diviso per fasce) ma meglio avere tutte le 12 mensilità in bollette, lavoriamo un'attimo di astrazione. Cos'è l'azienda? Dal lato sistemistico, l'azienda è una scatola, in cui entra energia (comprata, o generata in loro), e quest'energia viene utilizzata, e per definizione, trasformata in un lavoro utile (generazione di luce, azionamento macchinari, modifica di temperature...). Devo quindi considerare una ad una, e quantificare con molta precisione, tutte le forniture energetiche presenti, per poi studiare tutti i vari lavori compiuti da quest'energia, in tutte le forme utilizzate. A volte è un lavoro immane! Consideriamo la figura in basso:

 

Studio delle forme di energia in ingresso - Alessandro Ziccardi

 

  • Nel caso generale, sono presenti più sorgenti da cui l'azienda (o la casa, l'associazione... ma per semplicità, darò per scontato che si tratti sempre di un'azienda) attinge l'energia di cui necessita. Come vedi, nella sinistra dell'immagine, ho voluto considerare tutte le unità di misura usate, e a dx invece le ho convertite tutte in MJ (Mega Joule, 1.000.000 di Joule), per avere a che fare con quantità visivamente omogenee, e determinare l'importanza che una fornitura ha sul totale consumato. E' molto utile quando bisogna ottimizzare i consumi delle grandi aziende, e si sceglie di optare per soluzioni di cogenerazione o trigenerazione, con cui si ricava l'energia necessaria a generare energia elettrica, calore, e/o "freddo", a partire da una sola fonte energetica, il metano ad esempio. Per ora, a voler essere degli analisti e non dei venditori, lasciamo stare il prezzo dell'energia, ora come ora non ce ne frega assolutamente nulla!

 

Questo è il caso generale, il metodo

  • Ciò che conta è fare un censimento COMPLETO di tutte le forniture di energia (luce, gas, GPL, o altro), e un censimento di tutte le fonti di produzione/trasformazione presenti in loco: eventuali impianti fotovoltaici, termini, eolici, a biomasse (come la cogenerazione). Il caso particolare è mediamente molto semplice e "banale". Il censimento delle fonti di energia lo abbiamo con le bollette (per luce e gas), ottenendo i restanti dati in merito all'acquisto di altri carburanti, e infine, raccogliendo informazioni sulle fonti di energia generata/trasformata. Ora sappiamo l'azienda quanto mangia, con che frequenza, e quale dieta segue. In altra sede, studieremo se l'acquisto dell'energia è tutto ok, e quindi l'analisi delle fatture. Ma ora... cominciamo la biopsia! Alla fine avremo risultati di questo tipo:

Analisi tecnica-economica per canali - Alessandro Ziccardi

Prima di continuare, vuoi ricambiare la scelta che ho fatto, di metterti al corrente di molte delle operazioni che svolgo durante il mio lavoro? Voglio mostrarti di essere sempre trasparente.
Iscriviti alla Newsletter, per rimanere sempre aggiornato!
E iscriviti al mio Canale YouYube, per non perderti neanche un video!
Ma sopprattutto, CONDIVIDI questa pagina, su FB, Google+ o altri Social Network!
A volte basta un semplice click. Un piccolo gesto da parte tua, e un po' di gioia per me! 🙂

 

Una radiografia dei tuoi consumi

  • Analizziamo le Sorgenti di Consumo. Parte il Tour! Un giro completo (e anche più di uno) per tutta la struttura, prendendo nota di ogni elemento, qualità (tipologia, wattaggio, voltaggio, dimensioni, attacco...) e quantità, nonchè se possibile, dei prezzi (per una lampadina, il costo di riacquisto è importante; capita che si debba cambiare ogni tanto).

Diagnosi delle sorgenti di consumo - Alessandro Ziccardi

  • A sinistra c'è un caso reale, una parte dell'analisi che ho condotto su una sostituzione di luci fluorescenti e agli ioduri, in LED. Ci sono tanti numeri, perchè io voglio sapere OGNI cosa, di OGNI singolo elemento, e rendermi conto di cosa c'è che non va, attraverso uno dei tanti valori in tabella. E' un lavoro lungo, e non si può sbagliare, o tutte le analisi verranno inficiate. Nel frattempo bisognerà tenere gli occhi aperti in cerca di problemi o particolari criticità, e più l'azienda è grossa, più sono presenti e gravi. Non sempre sono visibili... Restano poi da registrare le abitudini di consumo: quante ore sono accesi al giorno questi elementi? E per quanti giorni a settimana? E per quante settimane all'anno? Potresti farti (e le faccio al cliente) queste domande, anche decine di volte... Ma ne varrà la pena.

 

Hai dei problemi seri?!

  • Slide 6Un'altro studio è poi successivo ad una prima analisi dei dati. Si tratta della ricerca di problemi. Problemi strutturali, legati all'impianto, a manomissioni varie e ripetute, oppure a strumenti/macchinari obsoleti, o ancora ad abitudini di consumo poco adatte al risparmio, ci può essere di tutto. Tutto ciò che non si trova con le misure della bolletta è un problema, e se la differenza è enorme, beh... c'è sicuramente qualcosa che non va. Il caso che ho utilizzato per fare tutti i miei esempi (tutte le immagini ritraenti numeri, in alto) è quello di una struttura con 2/3 dei consumi di origine sconosciuta, e ripeto, due terzi!! Spendendo oltre 40.000 euro in qualcosa che non si sa cosa sia. Si parte dall'ottenere le abitudini di consumo di tutti i "Canali", e da lì, per differenza, si ottengono le abitudini di consumo "Restanti", ossia appartenenti a tutto ciò che non è stato identificato. Se sono sbilanciate verso una fascia, è anche molto più facile trovarne la causa, osservando qualcosa (negli altri canali) con abitudini simili. Altrimenti... si deve scavare e scavare, e poi ci sono anche altri trucchi del mestiere per individuare l'origine di questi consumi anomali... ma per ora basta così!

 

Cari e buon vecchi titoli

  • C'è poi la questione dei titoli bianchi, verdi, il conto termico... insomma tutti quei simpatici strumenti burocratici e finanziari nati per incentivare il business delle energie rinnovabili, e l'efficientamento energetico, di cui si può tranquillamente approfittare. E' quindi possibile aggiungere, ai benefici di una ristrutturazione tecnica dell'azienda, anche il "premio" dovuto a incentivi, detrazioni oppure dalla compravendita di strumenti finanziari, che fornisce ancora più motivazioni all'imprenditore indeciso, per incamminarsi sulla strada del risparmio energetico. E se vuoi, ti farò io da guida per questi oscuri sentieri, un po' come Virgilio con Dante! E ho anche una buona notizia per te, a differenza di Dante Alighieri, tu non parti mica dall'Inferno!!

 

Ecco la mia parte preferita!

  • Studiamo un piano di riqualificazione. Una volta assicurati di avere tutto ciò che ti serve, ripeto, TUTTO ciò che ti serve, e aver discusso della presenza, o meno, di "situazioni" non visibili e che dovrei sapere, occorre analizzare tutti questi dati, e tracciare un percorso di riqualificazione che tenga conto del vincolo di bilancio deciso in sede di consulenza. E di altri parametri secondari, come l'utilizzo dell'azienda (non vorrete montare dei LED nella sala conferenze... nella settimana delle conferenze!). Sono schede su schede, con qualche centinaio di numeri per ogni scheda, proiezioni dei consumi e dei costi sugli anni a venire e, tanto per complicarci le cose, attualizzazione dei vari costi in considerazione dei tassi di inflazione ipotizzati. E quindi, calcolo dei VAN, centinaia di VAN!

  • Da quest'analisi, decido una successione di investimenti per l'anno in corso e i prossimi a venire, che permette di ottenere il maggior ritorno di capitale e la sua maggiore valorizzazione, nella minore unità di tempo (massimizzazione del ROI). E' la parte del mio lavoro in cui faccio magie! 🙂

Piano di riqualificazione energetica a max ROI - Alessandro Ziccardi

Schema dell'andamento dei risultati, senza e con investimenti, e brick-even-point nell'intersezione

  • E' qui che l'Analista sfrutta davvero le sue migliori capacità, trova sempre soluzioni ai problemi, e si distingue da chi vende e basta, senza mai andare oltre. In sintesi, abbiamo capito cosa entra in un'azienda (riguardate lo schema in figura), e ci siamo resi conto di dove finisce (cosa c'è nella scatola).

    Analisi comparata dei prezzi

    Analisi comparata dei prezzi

    E' chiaro che meno si consuma, e meno si compra dall'esterno, quindi abbassando i consumi interni, si abbassa la quantità di energia che viene comprata dall'esterno. E se viene generata in loco, tanto meglio. Poi si può agire sul prezzo dell'energia, ciò che sanno fare tutti, e non richiede spese.

    E' sempre positiva un'analisi di brokeraggio per fornire al cliente un prezzo migliore. Costo zero, solo guadagno. Ma questo non può essere fatto se prima non si è deciso che tipo di energia utilizzare... Esempio: non serve a molto cercare un fornitore migliore di GPL, se poi scegli di usare solo il metano... e soprattutto se il metano costa meno! Sono casi straordinari, ma occorre comunque tenerne conto, se si vuole essere efficaci. Altrimenti perchè Dr House sarebbe così famoso?? 🙂

  • Ritornando a noi, non c'è un vero e proprio schema operativo generale, e sarebbe difficile insegnare a qualcuno lavorare in questo modo. Nessuno oggi perderebbe tanto tempo a formare qualcuno a questo livello sul campo. Esisono ottimi corsi di Energy Manager, ma poi di pratico... Le forme in cui avviene questo lavoro, la sua qualità e anche la sua presentazione, sono indici della capacità e della personalità dell'analista. Ci sarebbe ancora un bel po' di roba da dire, segreti del mestiere, attenzioni, studi, chicche etc... Molto di quello che mi ha permesso di arrivare a questo punto lo devo a due caratteristiche personali, la passione per le materie scientifiche, e per la risoluzione di problemi.

 

Se ti faccio risparmiare 100,
te ne posso chiedere 10 per me?

Se ti stavi chiendo: e quanto mi costa quest'Analisi e Diagnosi Energetica??

Beh, la proposta che ti faccio è tutta qua: ti chiedo il 10% di quello che ti farò risparmiare sulla tua spesa energetica nell'arco del periodo del progetto (da 1 a max 5 anni), e quindi il 10% sul RISULTATO che ti farò raggiungere, il 10% su quello che sono in grado di fare, e più sono bravo, più ti aiuto, più tu risparmi soldi, e più io guadagno.

InvestimentoEcco quanto costa una Consulenza da parte mia, e se non sono abbastanza bravo, tu ne avrai uno sconto diretto, cioè se il risparmio si scopre essere inferiore a quello pronosticato, farò in modo che tu riottenga ciò che mi hai pagato in più anticipatamente, e cioè, in più al 10% reale misurato.

Ah, ovviamente... se sono stato più bravo, e ti ho fatto risparmiare di più, la mia parte aumenta, ed è sempre il 10% del risparmio che hai ottenuto (che in questi casi... è maggiore di quello pagato inizialmente). Quindi è possibile fare dei veri e propri conguagli, per stabilire se il costo della consulenza che hai pagato, è stato più alto o più basso di quello che dovrei percepire, in base a quanto hai ottenuto in termini di benefici.

 

Paghi solo per quello che ottieni!

Non pagherai mai per un risultato non ottenuto, questa è la massima garanzia che posso darti, e che un professionista può fornirti. A me pare davvero una bella proposta! E poi:[Tweet "Credo nella meritocrazia, e desidero lavorare in questa direzione."]

Nel caso di investimenti a lungo periodo (come impianti di generazione di energia, ad esempio il fotovoltaico...), dove il rendimento annuo è variabile, considererò come risultato il "risparmio medio annuo attualizzato" dei primi 5 anni dall'inizio dell'azione di risparmio (da quando l'impianto suddetto viene collegato alla rete elettrica etc...).

 

Come funziona la proposta?

Semplice: vai nella pagina Consulenza, e... acquista la Consulenza, al costo simbolico di 1 euro (non vorrai negarmi un caffè?), e ti verrà inviata una email con il link per scaricare il file del Contratto, chiamato Conferimento d'Incarico Tecnico. Questo documento va stampato, firmato e reinviato alla mia mail, così che io possa controfirmarlo e rimandarti la tua copia completamente compilata. Attraverso questo documento, tu accetti di versarmi entro 3 mesi un corrispettivo che io calcolerò, in pochi giorni, come conseguenza delle analisi che farò presso la tua struttura.

Domanda: "a quanto equivale il mio onorario?" Risposta: "Dammi il tempo di calcolare quanto riesco a farti risparmiare, non posso mica saperlo a priori!" 🙂 L'ho scritto perchè nonostante la chiarezza, in tantissimi continuano ancora a chiedermelo...

Dai risultati delle mia analisi, che riceverai per iscritto attraverso un Elaborato Tecnico Energetico, contenente (tra le tante cose) il Piano di Riqualificazione Energetica di cui ti ho parlato in precedenza. Prendi pochi soldi e spendili bene!

[Tweet "Ecco a cosa servo, a non farti fare cazzate col tuo portafogli!"]

 

E se i risultati che prometto
fossero anche risultati garantiti?

E' ovvio che chiunque può alzarsi una mattina, scrivere dei numeri a caso su un foglio e affermare che risparmierai cifre astronomiche! Io però sono così sicuro di quello che dico, che ci metto la faccia, la firma, e anche la GARANZIA, e come ti ho già spiegato, se non ottieni un certo risultato, ti rimborserò proporzionalmente al valore promesso.

E dato che non mi va di lavorare gratis, o guadagnare meno di quanto ho pronosticato, non aspettarti sbagli da parte mia! Anzi... dai già per certo che tornerò da te a chiederti altri soldi, perchè vorrà dire che ti ho fatto risparmiare più soldi di quanto ti avevo promesso per iscritto! 🙂

 

"Come mai fai pagare le tue Consulenze?"
Semplice: perchè le cose gratuite non hanno valore.

Le cose gratuite vengono sminuite per definizione, e il mercato energetico, come già ho avuto modo di ribadire più volte, è il regno dei mediocri. Ci lavora chiunque, senza alcuna preparazione il più delle volte. Il costo della mia consulenza è il costo della differenza tra la vendita ambulante di contratti (che non si assumono nessuna responsabilità per le loro azioni), e il supporto di un esperto al servizio del cliente, per un beneficio che ho definito da sempre: misurato, sicuro e quindi garantito.

In più, il mio lavoro non consiste in una vendita di un prodotto o servizio specifico, ma la consulenza stessa, o meglio, l'Analisi e Diagnostica Energetica è il mio vero servizio, come il Percorso a Riqualificazione Energetica a massimo ROI. Tutto il resto è solo un di più, sono gli accessori che sostanziano la mia offerta di risultati (=risparmio). Un Servizio che, insieme al resto della mia offerta, considerando anche i regali che ti faccio attraverso gli articoli e i manuali che pubblico, non offre davvero nessun altro. E diciamolo: [Tweet "Non è affatto male guadagnare in base ai propri risultati."]

 

E se ti facessi anche acquisire qualche nuovo cliente?

Dico davvero, se diventi un mio cliente, io farò in modo da trovare, a mia volta, nuovi clienti per te. Tutte le info in merito, e gli eventuali costi aggiuntivi a quello base della Consulenza, puoi trovarli nella pagina: Sei una impresa.

 

Sembra tutto troppo facile per essere vero

Magari per te! Tu hai la fortuna che devi solo pagarmi, e con una parte di quello che sicuramente otterrai! 🙂 Io sono quello che rischia veramente! Quando vengo da te, devo controllare da cima a fondo cosa va e cosa non va nella tua azienda, e devo valutare bene le azioni migliori da consigliarti per farti ottenere un risultato, massimizzandolo.

E se sbaglio, tu ottieni sicuramente un rispamio, magari minore, e certamente mai in perdita... ma sono io che rischio di rimetterci dei soldi! Quindi è proprio così: è bello, ed è vero. E ripeto, ti sto vendendo RISULTATI:

  • MISURATI, perchè voglio che tu sappia cosa stai pagando, da cosa derivano i tuoi costi. E dal Piano che seguirà quest'analisi, deriva anche il mio guadagno, quindi stai sicuro che sarà perfetta!
  • SICURI, perchè l'unico modo di assicurare i MIEI guadagni, è assicurare i TUOI guadagni! Quindi farò in modo di far guadagnare entrambi.
  • GARANTITI, so che non è facile fidarsi di qualcuno, specialmente in questo mercato, è per questo che ti garantisco un risultato minimo, sennò parte o tutto quel 10% pagato, ritornerà a casa sua!

 

DadiNon scommettere quando si tratta di risparmio energetico!
Condivi su FB, Google+ o altri Social Network.
Iscriviti alla Newsletter! Basta un click per rimanere sempre aggiornato 🙂