Stato di residenza sulla bolletta

//Stato di residenza sulla bolletta

Stato di residenza sulla bolletta

 

  • lo stato di residenza sulla bolletta bisogna recarsi presso gli uffici dell’anagrafe con: documento di identità valido e codice fiscale, oppure anche online, sul sito del comune in cui vogliamo fissare la nostra nuova residenza. Una volta cambiata la residenza bisognerà comunicarlo al nostro fornitore. Dalla data del cambio di residenza in poi, vedremo applicata la tariffa riservata ai residenti, si spera!
  • Per richiedere un rimborso, dovuto al fatto di aver pagato sempre da non residenti (non essendo pervenuta al fornitore alcuna comunicazione circa il nostro cambio di residenza), dovremo aggiornarlo personalmente, con un’autocertificazione (per dettagli e eventuali documenti ulteriori da presentare, contattare il proprio fornitore) che attesti il cambio di residenza e la data in cui è avvenuta, chiedendo il passaggio alla tariffa residenti e il rimborso per quanto versato in eccesso.
  • Per modificare la tariffa da non residente a residente, e usufruire delle condizioni agevolate destinate alla prima casa devi conoscere: numero cliente (in alto sulla bolletta), l'indirizzo dell'abitazione dove si richiede la variazione della tariffa, il codice fiscale della persona alla quale è intestato il contratto, e l'ultima lettura del contatore. Bisognerà fornire: un'autocertificazione di residenza anagrafica (il documento potete richiederlo al vostro fornitore da call-center, o scaricarlo dal suo sito) nella quale il cliente attesti che la sua residenza è presso l'abitazione per la quale si chiede la nuova tariffa, le coordinate del conto corrente bancario (nominativo e codice fiscale dell'intestatario, numero del conto, codice ABI e codice CAB) o altra tipologia, dati identificativi del titolare, numero e scadenza della carta di credito se non si usufruisce già del servizio di domiciliazione delle bollette. Con la domiciliazione bancaria, postale o su carta di credito delle bollette, il deposito cauzionale precedentemente versato, viene rimborsato.
    Inviare tutta la documentazione, compilata e firmata, al fornitore, in via cartacea, o digitale (inviando le scansioni dei documenti).

 

Cerchi il risparmio in Bolletta
ma hai paura di commettere i soliti errori nella scelta di fornitori e offerte? Ora ti spiego come riesco a scegliere sempre bene:

[button link="https://alessandroziccardi.it/analisi-forniture-energetiche/" color="default" size="medium" stretch="default" type="" shape="pill" target="_blank" title="Ecco come faccio!" gradient_colors="|" gradient_hover_colors="|" accent_color="" accent_hover_color="" bevel_color="" border_width="" icon="" icon_position="left" icon_divider="no" modal="" animation_type="shake" animation_direction="left" animation_speed="1" animation_offset="" alignment="center" class="" id=""]Clicca Qui![/button]

 

DadiNon scommettere quando si tratta di risparmio energetico!
Condivi su FB, Google+ o altri Social Network.
Iscriviti alla Newsletter! Basta un click per rimanere sempre aggiornato 🙂

By | 2017-02-15T12:55:06+00:00 dicembre 7th, 2014|Cosa dice la legge|0 Comments

About the Author:

“Un Tecnico dell’Energia schierato dalla parte del Cliente”

Speculatore per mestiere, nerd per passione, lottatore nel tempo libero.
Correggo i test d’ingresso dei Fornitori di Luce e Gas, boccio parecchio.
In tema di Fornitori, ho gusti semplici, mi accontento del meglio.
Lavoro coi numeri, li apprezzo molto, non mi mentono mai.

Tra le mie letture: Direct Respons Marketing, Brand Positioning, Lead Generation, Copywriting, SEO, e tutto ciò che possa contribuire alla mia Autority sul Web.

Lascia una risposta

Sii il primo a commentare!

Notifica se
avatar
wpDiscuz